Add new attachment

Only authorized users are allowed to upload new attachments.

This page (revision-1) was last changed on 17-Oct-2019 10:30 by UnknownAuthor

Only authorized users are allowed to rename pages.

Only authorized users are allowed to delete pages.

Difference between version and

At line 1 added 209 lines
%%(display:none)
{{{
WikiUp
}}}
/%
[{TableOfContents }]\\
!!! TIPI DI SPECIFICHE DI SME.UP\\
!! Tipi di specifiche per la documentazione\\
Codificando opportunamente le specifiche di commento nel sorgente di un programma, il testo associato viene interpretato correttamente dai tool di documentazione dei programmi e dalle schede relative:\\
||V*||Documentazione modifiche / versioni
|D* | Documentazione generale di un programma. All'interno delle DDS, individua una sezione di dati\\
|HD* | Documentazione tecnica\\
|HF* | Documentazione tecnica files\\
|RD* | Documentazione routines\\
\\
\\
!! Tipi di specifiche per la compilazione\\
Codificando opportunamente le specifiche di commento nel sorgente di un programma, il comando __CO__ esegue determinate azioni in fase di compilazione:\\
||PRP*||Comandi da eseguire prima di compilare. Es. la creazione di file di lavoro referenziati all'interno del sorgente (altrimenti la compilazione andrebbe in errore perché il file non verrebbe trovato).
|COP* | Opzioni di compilazione (sovrascrivono le opzioni predefinite del compilatore di sistema)\\
|POP* | Comandi da eseguire dopo la compilazione.\\
\\
\\
In queste azioni possono essere applicate alcune variabili corrispondenti ai valori inseriti\\
nei parametri del comando CO stesso:\\
* &CO_MBR : Membro Origine\\
* &CO_FILO: File origine\\
* &CO_LIBO: Libreria Origine\\
* &CO_OBJ : Oggetto\\
* &CO_LIBD: Libreria di destinazione\\
* &CO_TIPO: Tipo Origine\\
\\
!!! Convenzioni nella denominazione dei campi video\\
||__Codifica__||__Descrizione__||__Contesto__
|W$|campi input/output | in finestra\\
|W£|campi di output (decodifiche) | in finestra\\
|W§|campi di output (significati) | in finestra\\
|S$|campi input/output | in subfile\\
|S£|campi di output (decodifiche) | in subfile\\
|S§|campi di output (significati) | in subfile\\
|SFR1|Subfile |\\
|SFC1|Controller (la specifica relativa va messa in testa per Looc.Up)|\\
|SFP1|Piede |\\
|WIN1|Finestra|\\
|FMT|Formato a tutto schermo|\\
|W$MESV|campo per l'emissione a video di messaggi di errore|\\
\\
\\
!!! Altre convenzioni nella denominazione di variabili\\
||__Prefisso__||__Descrizione__
|T$ | Campi utilizzati nella definifizione di tabelle\\
|£ | Variabile di una /COPY\\
|AAA | Variabille di lavoro alfanumerica (es. AAA015)\\
|NNN | Variabille di lavoro numerica (es. NNN153)\\
|O | Variabile di salvataggio\\
\\
\\
!!! Convenzioni nella denominazione di file di stampa\\
||__Nome__||__Descrizione__
|PRT80 | File di stampa a 80 caratteri\\
|PRT132 | File di stampa a 132 caratteri\\
|PRT198 | File di stampa a 198 caratteri\\
\\
\\
!!! Utilizzo degli indicatori\\
Questi i significati che normalmente vengono attributi agli indicatori:\\
* __35__: indicatore di errore di una funzione\\
* __36__: indicatore di ricerca (segnala che la ricerca è stata effettuata)\\
* __50-55__: indicatore di comodo utilizzato per test di carattere istantaneo (un'instruzione condiziona l'indicatore e l'istruzione successiva testa tale indicatore, viene utilizzato ad esempio su CHAIN, LOOKUP, READE ecc.).\\
\\
Se sono inoltre presenti campi __video__:\\
* __10__: indicatore che indica la necessità di riemettere il formato video (es. se ho fatto una ricerca accendo l'indicatore per forzare la riemissione del formato video per visualizzare la mia scelta)\\
* __60__: indicatore di errore generale (di solito va a condizionare il campo del messaggio a video)\\
* __61-89__: indicatori di errore specifico (vengono usati per condizionare gli errori dei singoli campi video)\\
\\
Nell'utilizzo degli indicatori, è importante sottolineare che il loro significato si esaurisce alla successiva istruzione. Ciò significa che, una volta acceso o spento un indicatore per un particolare compito, lo stato dell'indicatore (ON o OFF) deve essere immediatamente testato.\\
La visibilità di un indicatore è infatti locale rispetto all'istruzione seguente, non globale sull'intero programma.\\
In questo modo non bisogna preoccuparsi di modificare lo stato di indicatori utilizzati in altre parti del programma (ad esempio, se lo stato di un indicatore acceso all'inizio del programma viene testato alla fine, potrebbe succedere che qualcuno ne modifichi lo stato in qualche punto intermedio, provocando comportamenti errati nell'esecuzione), visto che la "validità" dell'indicatore si esaurisce localmente.\\
\\
%%quote
L(PUN)
- Esempio di valutazione locale dello stato di un indicatore (indicatore 50)
/%
----
C $KEY LOOKUP ARRAY 50\\
C IF *IN50=*ON\\
C EXSR FUNCTION\\
C ENDIF\\
\\
E' da sottolineare che __gli indicatori rappresentano una tecnica di programmazione obsoleta__: al loro posto è preferibile infatti utilizzare operazioni quali __%EOF, %FOUND__, ecc. per controllare un particolare stato o una particolare condizione.\\
__L'utilizzo degli indicatori risulta tuttavia comodo nei file video.__\\
\\
!!! Tasti funzionali\\
La tabella sottostante illustra gli utilizzi dei tasti funzione comunemente utilizzati:\\
\\
||F03||Uscita
|F05 | Refresh\\
|F06 | Conferma\\
|F12 | Annullamento\\
|F13 | Parzializzazioni\\
|F17 | Impostazioni\\
|F24 | Altri tasti funzione\\
\\
\\
Correlata all'utilizzo dei tasti funzionali è la /copy __£KEY__, che definisce delle costanti corrispondenti ai valori esadecimali di tasti funzione.\\
In questo modo è possibile utilizzare le costanti al posto dei valori esadecimali, con ovvi vantaggi in termine di manutenibilità e comprensibilità del codice.\\
\\
!!! Tabella PGM\\
La tabella PGM consente di gestire le impostazioni relative alla modalità di esecuzione di un programma e all'attivazione dei log relativamente al programma stesso.\\
\\
__Documentazione specifica__\\
[PGM - Programma|MBDOC_OGG-TA_PGM]\\
\\
!!! Programmi "FUNIZZATI"\\
Il concetto di programma "funizzato" si basa sulla constatazione che se un programma è dotato di una entry standard, allora è possibile eseguirne la chiamata indicandone il nome in modo parametrico in una tabella, senza che sia necessario includere nel sorgente il nome del programma come stringa fissa.\\
\\
Una particolare categogia di programmi funizzati sono le "''Azioni''". Questi sono programmi studiati per eseguire un'azione minima su un oggetto, ad esempio all'interno di un flusso collegato all'inserimento, alla modifica o alla cancellazione di un articolo, oppure la selezione delle righe di un ordine durante l'esecuzione di una entrata merci.\\
\\
Le azioni sono catalogate per applicazione / contesto, per inserire una nuova azione nel catalogo bisogna scriverla in una schiera contenuta nel programma ''xxFUN0'', dove xx è l'applicazione.\\
Le azioni catalogate si possono interrogare in abiente grafico dalla scheda applicazione.\\
\\
Per essere utilizzate dalle applicazioni le azioni devono essere inserite in un elemento della tabella B£J e devono essere richiamate dalla tabella B£H (riferirsi all'Help di queste tabelle).\\
\\
__Esempio di Entry:__\\
%%quote
L(PUN)
---------------------------------------------------------------* .
/%
----
I/COPY QILEGEN,£FUNDS1 .\\
I/COPY QILEGEN,£TABB£1DS .\\
I/COPY QILEGEN,£PDS .\\
**************************************************************** .\\
D* M A I N .\\
**************************************************************** .\\
C EVAL £FUND1=§FUNW1 .\\
C EVAL £FUND2=§FUNW2 .\\
C ...\\
*\\
C SETON LR .\\
**************************************************************** .\\
C/COPY QILEGEN,£INZSR .\\
C/COPY QILEGEN,£FUN .\\
**************************************************************** .\\
D* ROUTINE INIZIALE .\\
**************************************************************** .\\
C £INIZI BEGSR .\\
* .\\
C *ENTRY PLIST .\\
C PARM §FUNNP .\\
C PARM §FUNFU .\\
C PARM §FUNME .\\
C PARM §FUNMS .\\
C PARM §FUNFI .\\
C PARM §FUNCM .\\
C PARM §FUNW1 .\\
C PARM §FUNW2 .\\
* .\\
C *LIKE DEFINE £FUNNP §FUNNP .\\
C *LIKE DEFINE £FUNFU §FUNFU .\\
C *LIKE DEFINE £FUNME §FUNME .\\
C *LIKE DEFINE £FUNMS §FUNMS .\\
C *LIKE DEFINE £FUNFI §FUNFI .\\
C *LIKE DEFINE £FUNCM §FUNCM .\\
C *LIKE DEFINE £FUNW1 §FUNW1 .\\
C *LIKE DEFINE £FUNW2 §FUNW2 .\\
* .\\
C ENDSR .\\
****************************************************************\\
\\
Parametri:\\
||__Parametro__||__Lunghezza__||__Descrizione__
|£FUNP | 10 | Programma da chiamare\\
|£FUNFU | 10 | Parametro 1 di B£J / FUNZIONE\\
|£FUNME | 10 | Parametro 2 di B£J / METODO\\
|£FUNMS | 07 | Codice messaggio d' errore\\
|£FUNFI | 10 | File messaggi errori\\
|£FUNCM | 2 | Ultimo tasto funzionale eseguito\\
|£FUND1 | 512 | DS Fissa - Vedi di seguito\\
|£FUND2 | 512 | DS Tipica del contesto\\
\\
\\
Mappatura £FUND1 (campi principali):\\
||__Campo__||__Lunghezza__||__Descrizione__
|£FUNCO | 10 | Contesto (V5MOVI / GMCONF / E)\\
|£FUNNR | 9.0 | Numero relativo di record\\
|£FUNGR | 3 | Griglia (Tabella B£G)\\
|£FUNT1 | 2 | Tipo Codice 1 (Oggetto 1)\\
|£FUNP1 | 10 | Par. Codice 1 (Oggetto 1)\\
|£FUNK1 | 15 | Codice 1 (Oggetto 1)\\
|£FUNI1 | 15 | Intestaz. Codice 1\\
|£FUNS1 | 35 | Descriz. Codice 1\\
|£FUNT2 | 2 | Tipo Codice 2 (Oggetto 2)\\
|£FUNP2 | 10 | Par. Codice 2 (Oggetto 2)\\
|£FUNK2 | 15 | Codice 2 (Oggetto 2)\\
|£FUNI2 | 15 | Intestaz. Codice 2\\
|£FUNS2 | 35 | Descriz. Codice 2\\
|£FUNT3 | 2 | Tipo Codice 3 (Oggetto 3)\\
|£FUNP3 | 10 | Par. Codice 3 (Oggetto 3)\\
|£FUNK3 | 15 | Codice 3 (Oggetto 3)\\
|£FUNI3 | 15 | Intestaz. Codice 3\\
|£FUNS3 | 35 | Descriz. Codice 3\\
|£FUNPS | 40 | Parametri Specifici\\
\\
\\
Le DS £FUND1, £FUND2, £FUNW1 e £FUNW1 sono dichiarate nella /copy £FUNDS1. Le restanti variabili dell'entry sono definite invece nella /copy £FUN.\\
\\
!! Deviatore\\
Un deviatore viene utilizzato per "normalizzare" un programma non "funizzato". Si tratta di un programma "funizzato" che esegue una chiamata ad un altro programma, che sarà quindi visto dagli altri programmi tramite l'entry standard del deviatore (in modo analogo all'utilizzo di un adattatore per una spina di corrente).\\
This page has only one version
«