WikiUp

Definizione ADF

L'acronimo ADF vuole significare "Analisi disponibilità finanziaria".
L'azione svolta dall'ADF è quella di miscelare i dati finanziari, quali cassa, banca, ordini di un'azienda, permettendo di analizzare i flussi attivi e passivi da un certo punto della vita aziendale in poi, cercando di prevedere eventi futuri legati alla situazione economica della azienda (es. incassi, scadenze, pagamenti) in modo da evidenziare eventuali deficit finanziari prima che questi si presentino.
Questo lo si fa attraverso il confronto di alcuni dati della contabilità che rappresentano effettivamente una reale situazione rispetto alle scadenze (analisi degli scadenzari attivi e passivi), combinandola ad esempio con i portafogli ordini attivi/passivi, previsioni di costi futuri e/o investimenti, ecc.

Il sistema ADF gira sullo stesso motore dell'MRP (ovvero utilizza lo stesso sistema), infatti permette, come la produzione nei confronti dell'MRP, di fare una previsione sui flussi di cassa basandosi sullo stesso tipo di tabella dell'MRP, nella quale si stabiliscono le fonti positive e negative, presenti e future che andranno configurate prima dell'elaborazione (es. ordini, conti,bolle, ecc...).

Il file nel quale vengono poi scritti i record corrispondenti ad un evento specifico (es. incasso fattura, ecc.) è il C5ADFF0F. Con "f c5adff0f" dalla riga di comando è possibile visualizzare il tracciato del file.
Questo file è una sorta di contenitore degli eventi alla data che compongono la situazione finan- ziaria dell'azienda.
E' necessario decidere cosa far finire nel file, ovvero serve una sorta di configurazione, che preceda la successiva interrogazione: appunto, le fonti.

Passo 1: configurazione tabelle

La configurazione delle fonti da far elaborare all'ADF risiede in due tabelle, C6E e C6F, rispet- tivamente 'Fonfi esistenti disp.finanziaria' e 'Fonti future disp.finanziaria'.
La prima non è obbligatoria perchè solitamente serve per indicare le fonti di fido (se gestito), la seconda invece deve essere accuratamente predisposta perchè contiene la codifica di tutte le fonti future, cioè proprio quello che si desidera prevedere per analizzare comportamenti futuri.

Tabella C6F (FONTI ESISTENTI DISP.FINANZ.)
Sono state stabilite delle fonti standard nel modello, i cui codici sono così raggruppati:
  • per le "entrate" vengono usati i progressivi da 100 a 112;
  • per le "uscite" vengono usati i progressivi da 200 a 213;
  • per le "fonti IVA" i progressivi usati vanno da 300 a 304;
  • per le fonti sulla "situazione di partenza", ovvero casse e banche i progressivi 401 e 402;
  • per le fonti sulle "immobilizzazioni finanziarie" la fonte 410.

Si consiglia l'inserimento delle prime fonti CERTE, iniziando magari dallo standard proposto da Sme.UP.
Prospetto fonti standard proposte
Per quanto riguarda l'impostazione della tabella C6F e in caso della C6E (tabella delle fonti esistenti) si rimanda alla documentazione del capitolo relativo.

Passo 2: configurazione scenario

Dopo aver configurato le varie fonti è necessario riunirle in uno scenario.
Esiste la possibilità di definire più di uno scenario, in cui sono contenute diverse fonti, in modo che l'utente possa scegliere di gestire la situazione su fronti diversi. Questo significa che esiste la possibilità di visualizzare la disponibilità finanziaria con scenari differenti in base a ciò che si desidera includere in essa (ad es. includere o meno i fondi d'investimento).

Una volta inserite le fonti nella tabella C6F e C6E, si vanno ad inserire in uno scenario comune.
Questo è possibile dalla voce di menu: Contabilità generale >> Disponibilità finanziaria >> Gestione elenco fonti.
Menù Disponibilità finanziaria

Ad esempio, un gruppo ** TUTTE, dove si inseriscono tutte le fonti appena create, quindi quelle dalla 100 alla 410.
Per aggiungere le fonti in un gruppo comune, si selezionano con una X:
Scelta gruppo fonti

Per salvare le selezioni appena fatte dopo aver dato la conferma (invio), si torna sull'elenco delle memorizzazioni e si va con un 2 sul gruppo fonte in gestione, per aggiornare i dati:
Memorizzazioni dei gruppi fonti

Quindi con un 1 sulla modifica dati, e un F6 er salvare le modifiche.
Salvataggio dati nella modifica del gruppo fonti

Add new attachment

Only authorized users are allowed to upload new attachments.
«