WikiUp

Introduzione

In generale il DRP (acronimo di Distribution Resource Planning) è uno strumento che, preventivamente all'MRP, suggerisce spostamenti di quantità tra plant diversi, normalmente da plant in cui c'è un eccesso di giacenza a plant in cui prevalgono i fabbisogni, presenti e futuri.
Quindi il DRP è uno strumento che lavora in collaborazione con un MRP multiplant, all'interno dell'esecuzione MRP.


Descrizione tecnico/applicativa

Per attivare il calcolo DRP è necessario impostare l'MRP in modalità multiplant completa (in tabella M51).

Il calcolo DRP viene eseguito, per ogni codice, prima della routine di pianificazione di tutti i plant. Elemento scatenante è la presenza della politica DRP (elemento di tabella M5C) nello scenario di pianificazione (tabella M5B). Quindi, il DRP fa in modo di precedere i suggerimenti eseguiti dall'MRP, spostando l'eccesso di materiale esistente negli altri plant a favore del plant sofferente.

Quindi , essendo una caratteristica dello scenario, il calcolo viene eseguito per tutti i codici (RIF. NOTA TECNICA 1 punto a)

La struttura del DRP è la seguente:
Viene eseguito un programma standard che passa i risultati dell'analisi disponibilità (del gruppo fonti di pianificazione) ad un programma specifico di strategia (il cui suffisso è impostato in tabella M5C), il quale ritorna gli spostamenti da eseguire(plant di partenza e di arrivo, quantità e data del trasferimento). Il programma standard scrive l'ordine pianificato di trasferimento (che genera una disponibilità sul plant di arrivo e un impegno sul plant di partenza) utilizzando la politica di trasferimento contenuta in tabella M5C.
Per differenziare le strategie di bilanciamento per i diversi articoli, riferirsi a NOTA TECNICA 1 punto b.
Si deve fare attenzione ad inserire, nel gruppo fonti dell'MRP, anche gli ordini pianificati, in quanto, nel caso DRP, essi possono essere presenti prima dell'elaborazione dell'MRP, che deve tenerne conto nel suo calcolo.
Per evitare ridondanze di codice, non è previsto l'avanzamento della datazione della scorta ottenuto impostando il campo "Scorta dopo tempo di approvvigionamento" impostato in tabella M51, ma si deve esplicitamente impostare una fonte futura come scorta datata. Se comunque lo si attivasse, questo campo verrebbe trascurato, se nello scenario è impostata una politica Drp.

Esempio di strategia

E' stata implementata la strategia "A" contenuta nel programma fornito come esempio
Vedi ?TST CMRP Esempio di exit appiattimento DRP (MBM5SRC-M5DRP01_A)
Essa propone di trasferire l'eccedenza presente dai plant dove essa è maggiore, ai plant in cui si ha maggior fabbisogno finale. In questo modo, euristicamente, si ottiene un basso numero di trasferimenti, che vengono eseguiti alla prima data in cui c'è rottura di stock nel plant d'arrivo. in questa strategia non vengono prese in considerazione le date come criterio di priorità di trasferimento.
Attenzione: questa strategia NON implementa la pianificazione a oggetto di rottura. Una exit che la comprendesse, dovrebbe separare, al suo interno, la disponibilità per ogni oggetto di rottura, e fare i bilanciamenti in modo separato per ciascuno di essi. Al ritorno al chiamante, dovrà inoltre riempire il campo £FUNK3 con l'oggetto di rottura, che verrà riportato nell'oggetto opportuno del consiglio.

S1

E' presente un S1 che, in modo simile a quello dell'MRP, permette di simulare la strategia. Lo si esegue con "UP DRP": nel primo formato viene richiesto, tra l'altro, il suffisso dell'exit della strategia; si impostano e/o si riprendono le fonti, e si verificano i risultati, vale a dire i trasferimenti proposti.

note tecniche


NOTA TECNICA 1
Il codice della politica DRP, impostata a livello di scenario, è tra i campi ritornati dalla /copy £M5A. E' possibile eseguire degli aggiustamenti personali a livello di singolo articolo implementare la exit "Aggiustamento M5A" (impostata in tabella M51) che permette la modifica dei dati ritonati.
In particolare è possibile
a) Eliminare, per alcuni articoli, il campo "Politica DRP". Ciò si traduce nel fatto che per essi non viene eseguito l'appiattimento DRP
b) Variare, per alcuni articoli, il valore del campo "Politica DRP". In tal modo per essi si può attivare una diversa strategia di appiattimento (variando il suffisso della exit),

NOTA TECNICA 2
Quando, nelle exit di appattimento DRP, si producono le informazioni che portano alla scrittura degli ordini pianificati di trasferimento (plant di partenza e di arrivo, quantità e data), si deve prestare la MASSIMA ATTENZIONE che gli ordini pianificati abbiano una data e una quantità per cui il successivo MRP non debba suggerire variazioni (spostamenti di date e riduzioni di quantità) in quanto ciò provocherebbe un errore nell'MRP, non essendo in grado di applicare suggerimenti sull'esistente a ordini pianificati.










Add new attachment

Only authorized users are allowed to upload new attachments.
«